Cronaca

Si inaugura ad Ankara la nuova legislatura

7 luglio 2018 Agenzia Nova Foto: Portale storia

ANKARA - Verrà inaugurata oggi la nuova legislatura del parlamento turco, la prima del sistema presidenziale in vigore dopo le elezioni del 24 giugno. La seduta, che vedrà il giuramento dei nuovi deputati, verrà aperta da Deniz Baykal, presidente pro tempore della Grande assemblea nazionale turca, il Parlamento monocamerale di Ankara.
Esponente del Partito repubblicano del popolo (Chp), principale formazione di opposizione in Turchia, Baykal, prossimo agli 80 anni, sarà presidente pro tempore dell’Assemblea in quanto deputato più anziano. Nel nuovo sistema presidenziale, il parlamento turco è composto da 600 membri, con la maggioranza a 301 deputati. Giustizia e sviluppo (Akp), il partito del presidente Recep Tayyip Erdogan che ha vinto le elezioni presidenziali e parlamentari anticipate del 24 luglio, avrà 295 deputati.
La maggioranza sarà superata grazie ai 49 seggi ottenuti dal Movimento nazionalista (Mhp), formazione di estrema destra in coalizione con l’Akp nell’Alleanza del popolo. In totale, l’Alleanza del popolo avrà, quindi, 344 seggi. L’opposizione sarà invece rappresentata da 256 deputati. I seggi del Chp, erede del kemalismo, sono 146, cui seguono i 43 deputati del Partito buono (Iy), formazione di centro-destra nata a ottobre 2017 da una scissione nell’Mhp. Infine, il Partito democratico dei popoli (Hdp), formazione di sinistra libertaria filocurda, sarà rappresentato da 67 deputati. Nel nuovo sistema presidenziale, i poteri del parlamento saranno saranno limitati. Tuttavia, la Grande assemblea nazionale turca conserverà la facoltà di emanare, emendare e abrogare le leggi, di discutere e approvare il bilancio e i conti pubblici, di stampare moneta, dichiarare guerra e modificare i decreti presidenziali.