Turismo e viaggi

Il mistero del sigillo...

6 novembre 2018 Salvo Cagnazzo/Turismo.it Foto: Turismo.it

ISTANBUL - E' stato portato alla luce, nella città costiera di Mersin, nella parte meridionale della Turchia, un antico sigillo risalente al 7.000 a.C.. Questo, che riporta alcuni motivi geometrici, è stato rinvenuto negli scavi effettuati nel famoso tumulo di Yumuktepe, a quattro chilometri a ovest dal centro della città.
Durante i due mesi e mezzo di lavori, il team di 25 persone, guidato da Isabella Caneva, professore di archeologia presso l'Università di Lecce, ha scoperto anche una punta di freccia risalente al Neolitico.
Quella che comprende anche Mersin è una zona molto interessante. San Paolo, il primo apostolo di Cristo, nacque a Tarso, città che vanta un patrimonio culturale di ben 6mila anni. E si dice anche che qui sia scoccato l'amore tra Antonio e Cleopatra. La città di Silifke, fondata da Selefkos Nikator, uno dei comandanti di Alessandro Magno, invece, ha celebrato il suo 2300esimo anniversario ed è famosa per il teatro e il tempio, entrambi di epoca romana. Nei paraggi anche Anamur, tra piantagioni di banani, montagne e rovine. 
Mersin, che fonde magicamente moderno e antico, è prima tra le città anatoliche per numero di siti di scavi archeologici. Se ne contano ben dieci, che raccontano diverse epoche storiche. Oltre al Museo di Mersin, i turisti possono visitare Mersin Ataturk House, Tarsus Museum, Silifke Museum, Silifke Ataturk House e il Narl?kuyu Mosaic Museum.