Zoom

I tesori di Gilan nella città del Topkapi

27 gennaio 2018 Giulia Netrese/Gioiellis Foto: Gioiellis

ISTANBUL - Nel passato è stata capitale di tre imperi (romano, bizantino e ottomano), e ora Istanbul è anche una delle capitali della gioielleria. Non solo per i pezzi straordinari custoditi nel Topkapi, l’antica residenza del sultano. Ma anche perché nella città turca è nata Gilan, una Maison che propone pezzi di alta gioielleria che non hanno nulla da invidiare a quelli dei marchi più blasonati (vedete qualche esempio in questa pagina).
Accanto all’alta gioielleria, che ha prezzi che arrivano a centinaia di migliaia di euro, Gilan crea anche collezioni di gioielli a prezzi più abbordabili, ma non per questo meno interessanti.
E dire che Gilan ha una storia abbastanza recente:è stata fondata nel 1980 dai fratelli Muharrem e Ferhan Gilan, più per passione che per tradizione famigliare. Anche le collezioni, così come i pezzi unici, sono frutto di una creatività non per forza legata alla tradizione ottomana della gioielleria. Persino la collezione dedicata alla città, Istanbul, non ha nulla della oreficeria orientale, ma ricorda casomai un acquarello di Paul Klee. Insomma, non solo pezzi straordinari, come la collana con diamanti neri e bianchi, con un grosso smeraldo pendente, ma anche uno stile moderno, europeo. D’altra parte, il Bosforo si affaccia su due continenti.