Unione di amicizia Italia Turchia
 
» Homepage
» Ambiente
» Azerbaijan
» Blob
» Confronti Istanbul
» FLASH2
» Flash
» Il Punto
» In Evidenza
» Speciale
» Turismo e viaggi
» Zoom
» Tweets
» Curiosità
» Scienza e medicina
» Accadeva Oggi
» Attualità
» Notiziario d'ambasciata
» Cultura/Arte
» In primo piano
» Musica
» Società
» Economia/agricoltura
» Spettacoli/Cinema
» Moda
» Cronaca
» Sport
» Istituto Italiano di Cultura
» Roma Basin Musavirligi
Istanbul cafè
All news

Turkish Press
Scavi
Musei
» Angoli nascosti
» Libro degli ospiti
» Perle
» Accadeva oggi
(ARCHIVIO)
Meteo
Change
Turchia com'era

“E- Turchia” - a parte la documentazione dell’Ambasciata di Italia ad Ankara e dell’ICE di Istanbul- si avvale per le notizie e gli articoli riportati sul suo web, e naturalmetne relative alla Turchia, delle NEWS già apparse in altri siti o già pubblicate su altri quotidiani e riviste. Non fa altro che assemblare, nella convizione che siano di maggiore utilità per quanti hanno su qualche interesse per questo paese. “E-turchia”, ad ogni modo, è sempre a vostra disposizione







"Images d’Empire", immagini dell’Impero


Foto Istambul

E’ il titolo di una raccolta di fotografie tratte dalla collezione Pierre de Gigord. Sono immagini di una Turchia che non esiste più e che ci fanno piombare nel passato quando ancora il Sultano era padrone della vita e della morte dei suoi sudditi. Guardandole, una ad una, non si può fare a meno di pensare a come dovesse risultare affascinante ai Loti, ai Gautier , ai De Amicis Costantinopoli, considerata ancora nell’Ottocento la "città delle meraviglie". Città che dovette la sua grandezza al rigetto del nazionalismo contro cui, secondo Abd ul-Megid ed alcuni suoi ministri, l’Impero si ergeva a bastione. L’intento - come disse lo stesso Sultano a Lamartine – era quello di formare un unico popolo di razze e di religioni diverse. "In una parola – affermò Abd ul-Megid (n.d.r: si fa riferimento al libro di Philip Mansel) – mi propongo di nazionalizzare tutti questi frammenti di nazione che coprono il suolo della Turchia con tanta imparzialità, gentilezza, uguaglianza e tolleranza che ognuno senta essere nell’interesse del proprio onore, della propria coscienza e sicurezza cooperare a mantenere l’Impero in una sorta di confederazione monarchica sotto gli auspici del Sultano". A questo ideale – annota Mansel – egli rese l’omaggio più grande che un monarca potesse porgere: istituì una guardia del corpo formata dai figli dei capi dell’Impero, due per ogni etnia: curdi, siriani, drusi, circassi e albanesi. Gli uomini erano tutti alti un metro e ottanta e, durante le cerimonie ufficiali a palazzo e alla preghiera del venerdì, indossavano ognuno il proprio costume nazionale. Era l’epoca di Dolma Baghçe (oggi Dolmabahçe) e delle sue 304 stanze affollate di specchi dorati, pesanti mantovane, camini di porcellana, lampade di cristallo alte tre metri; l’epoca dei banchetti sontuosi, delle bande imperiali ma anche delle moschee, delle riforme e delle scoperte archeologiche. L’epoca in cui – riporta ancora Mansel - molti greci, preferendo l’Impero ottomano alla Grecia indipendente, votarono "con i piedi", mettendosi cioè in viaggio ed emigrando a Costantinopoli. Secondo il censimento del 1881, oltre il 50 per cento dei 200.000 greci della capitale non era nativo di Costantinopoli. L’epoca infine dei grandi banchieri, dei mercanti ed in cui nella Grande Rue de Pera si aprivano gallerie piene di negozi, un tratto tipico della Parigi e della Costantinopoli ottocentesche. "Nel 1976, quando venne inaugurata la lussuosa galleria Cité de Pera – l’attuale passerella dei Fiori – il giornale <la Turquie> la definì ‘un monumento di cui anche Parigi andrebbe orgogliosa’".


» Galleria di immagini


»   L’Ultimo Califfo
» La fine del Sultanato e la nuova Turchia
» Mehmet V ed i tre Pasha
» Abdul Hamit II, la fine dell’impero
» La fine dei governi turchi
» Le barche di Galata
» Images d’Empire
» Fotografie di Costantinopoli
 
TURCHIA OGGI
Redazione - Via dei Boschetti, 53 00187 Borgo Maggiore (san Marino)
SITO INTERNET: www.e-turchia.com E- Mail: informazionesanmarino@gmail.com
Editore: Carlo Filippini Via dei Boschetti, 53 Borgo Maggiore (San Marino) E-Mail: informazione@omniway.sm
Sede legale - San Marino E-Mail: info@e-turchia.com
Registrazione presso il Tribunale di San Marino
Nota della redazione