Unione di amicizia Italia Turchia
 
» Homepage
» Ambiente
» Blob
» Confronti Istanbul
» Confronti Roma
» Flash
» Il punto del direttore
» In evidenza
» Notizie da Cipro Nord
» Curiosità
» Scienza e medicina
» Accadeva Oggi
» Attualità
» Blog economico
» Cultura/Arte
» In primo piano
» Turismo e Viaggi
» Musica
» Società
» Economia/agricoltura
» Spettacoli/Cinema
» Moda
» Cronaca
» Sport
» Ist. Italiano di Cultura
» Roma Basin Musavirligi
» Viaggio in Turchia
Istanbul cafè
All news

Turkish Press
Scavi
Musei
» Angoli nascosti
» Libro degli ospiti
» Perle
» Accadeva oggi
(ARCHIVIO)
Meteo
Change
Scienza e medicina
 

 

 

 

 

I residenti di Dilovasi, un sobborgo industriale alle porte di Istanbul, in Turchia, sono in cerca di risposte su una misteriosa sostanza che, in numerose occasioni, è stata trovata a ricoprire le auto, gli alberi, il bucato, e gli orti in tutta la città. Milliyet, un giornale turco, riferisce che i funzionari del governo stanno cercando di identificare la fonte di questa poltiglia appiccicosa, che secondo quanto riferito ha fatto ammalare un certo numero di persone e rovinato i raccolti locali.

Secondo l'Hurriyet Daily News (HDN), il Consiglio di ricerca scientifica e tecnica della Turchia sta conducendo un'indagine sulla questione, ma solo dopo che i media locali hanno cominciato a segnalare che la sostanza non puo essere lavata o rimossa dai vestiti, dai raccolti, e da altri elementi contaminati.



"I miei prodotti valevano almeno 20.000 lire turche (circa 10.695 dollari), ma ora sono tutti distrutti. Cavolo, porro, e altri prodotti sono stati rovinati dalla poltiglia. Non posso venderli a nessuno. Devo buttarli via. Questa sostanza ha ricoperto anche le finestre della mia serra e blocca la luce del sole ", ha detto Alaattin Illik, un residente e proprietario di una serra a Dilovasi.



Secondo il Digital Journal, i funzionari locali di Dilovasi, che è una zona industriale pesante, con circa 200 impianti industriali in tutto il territorio, sono stati accusati di nascondere la gravità dell'inquinamento tossico nella zona. Questo fatto è reso evidente dal tasso di tumori nella zona più alto del solito,  circa 30 volte superiore rispetto alla media nazionale.




Ma un'altra possibile spiegazione per la copertura chimica non identificata sono le "scie chimiche", un programma di irrorazione chimica in cui jet rilasciano volutamente vari materiali nella stratosfera. Nei giorni di pesante rilascio di scie chimiche, materiali anomali e sostanze simili a quelle che  si trovano a Dilovasi sono stati osservati in una varietà di luoghi in tutto il mondo.



A differenza delle normali scie di gas di scarico dei jet che si dissipano rapidamente, le scie chimiche indugiano nel cielo e spesso si diffondono in nuvole artificiali. In alcuni casi, queste scie chimiche si lasciano alle spalle effettivamente quelli che sembrano essere residui di particelle di polvere, filamenti simili a ragnatele, e una viscida poltiglia simile a quella che è apparsa a Dilovasi (
http://www.willthomas.net/Chemtrail...)..



Guardate il seguente estratto da un episodio del  1997 di Unsolved Mysteries dove i residenti di Oakville, Washington, si sono ammalti a causa di una poltiglia appiccicosa non identificata che cade dal cielo:



 

 
 

Altri articoli correlati

»  

Import farmaci

»  

BIODIVERSITA'  ACCORDO
SULL'USO SOSTENIBILE

»  

TIMORI  MINACCIA POLIOMELITE
PER L'ESODO SIRIANO

»  

Si punta ad una nuova
centrale nucleare

»  

Scossa del 5.3 in Egeo e nel Mar di Marmara

»  

Tagli cesarei solo
per salvare la vita

»  

<AlmaViva> coordinerà l'attività dei trapianti

»  

CENTRALE NUCLEARE
FRANCO-GIAPPONESE

»  

Incinta
di 6 settimane

»  

6° simposio ad Istanbul sulla scienza atmosferica (Atmos 2013)

»  

INVESTIMENTI
IN RICAMBI E SVILUPPO

»  

Tra Grecia e Turchia

»  

Nel cielo di Ankara

»  

L'Universo ha
15.75 mld di anni

»  

LINGUE INDO-EUROPEE:
SONO NATE IN TURCHIA

 
 
TURCHIA OGGI direttore: Piero Incagliati
Redazione romana - Piazza San Silvestro, 13 00187 ROMA TEL. (39) 06/6784018
SITO INTERNET: www.e-turchia.com E- Mail: pietro.incagliati@e-turchia.com
Editore: Carlo Filippini Via dei Boschetti, 53 Borgo Maggiore (San Marino) E-Mail: informazione@omniway.sm
Sede legale - San Marino E-Mail: info@e-turchia.com
Registrazione presso il Tribunale di San Marino
Sviluppo Software by Key Work srl
Nota della redazione