Accadeva Oggi

9 gennaio

                9 GENNAIO       IL PALAZZO DI VETRO Ricordate "Intrigo internazionale" quando Cary Grant si ritrova un cadavere fresco fresco tra le braccia con un coltello conficcato nella schiena? Finta o vera che fosse l'ambientazione, la pellicola ci faceva vedere per alcuni minuti una angolazione delle enormi hall che si trovano all'interno del palazzo di Vetro di New York, dal 1951 sede delle Nazioni unite. Quel film Alfred Hitchcock lo avrebbe girato sei anni dopo.
L' edificio - che ancor oggi non sfigura affatto con quelli attuali della "Grande Mela" - ebbe il suo battesimo ufficiale il 9 gennaio. Fu un avvenimento decisamente importante, intanto perché prendeva sostanza una istituzione - l'Onu per l'appunto - che fino a quel momento era tale solo sulla carta; in secondo luogo perché il progetto dell'architetto Oscar Niemeyer - che aveva avuto come maestri Lucio Costa e Charles Edouard Le Corbusier - si era trascinato dietro una serie di polemiche per il modo in cui era stato concepito e per la tecnica innovativa nella distribuzione del cemento armato. Ad opera finita comunque Niemeyer - al quale si deve peraltro buona parte della realizzazione della città di Brasilia - si prese la sua rivincita dal momento che tutti gridarono alla grandeur architettonica di una simile costruzione. Tra questi - ma la cosa era scontata - anche John D. Rockefeller Jr. - che aveva contribuito al finanziamento con una donazione di 8.5 milioni di dollari (di allora).
Le Nazioni Unite - il cui scopo da un lato è quello di risolvere i problemi che affliggono l'umanità, dall'altro preservare la pace attraverso la cooperazione internazionale ed il principio della sicurezza collettiva - sono formate da 186 Stati. I suoi organi principali sono l'Assemblea Generale, il Consiglio di Sicurezza, il Consiglio Economico e Sociale, il Consiglio di Amministrazione Fiduciaria, la Corte Internazionale di Giustizia ed il Segretariato. Quando fu fondata nel secondo dopoguerra, l'Onu - che sostituiva la Società delle Nazioni, organizzazione peraltro deficitaria - sembrava dovere superare nel migliore dei modi qualunque ostacolo che si fosse presentato sul suo cammino. Ma non è stato così a causa soprattutto di quel diritto di veto di cui godono le maggiori potenze del pianeta che rendono inutile qualsiasi iniziativa. Basti pensare, tanto per fare un esempio, a come è stata trattata la questione di Cipro. Anni ed anni di inutili discussione con il risultato che alla fine l'Unione Europea ha preso in mano la questione risolvendola nel peggiore dei modi.
Memorabile una seduta del 12 ottobre 1960 che vide protagonista Nikita Sergeevic Kruscev. In quella occasione il Capo del Governo sovietico si tolse una scarpa che battè violentemente sul suo tavolo inveendo contro il delegato filippino che poco prima gli aveva contestato alcune asserzioni sul colonialismo. "Zitto tu - gli gridò - che sei un servo del capitalismo corrotto". (Veronica Incagliati)